Trattamento dei pazienti oncologici geriatrici: il nuovo calcolatore di rischi dello Yale Cancer Center

alt_text
29 Settembre 2021

Il 25 settembre, in occasione dell'annuale Simposio dell'American Society of Clinical Oncology (ASCO), i ricercatori dello Yale Cancer Center hanno presentato uno studio sull'utilizzo di un calcolatore di rischio, che ha aiutato a prendere decisioni informate sul trattamento nei pazienti più anziani con cancro. Gli oncologi di Yale hanno identificato il calcolatore del Cancer and Aging Research Group (CARG) come uno strumento rapido e utile per valutare la probabilità di tossicità della chemioterapia nei pazienti geriatrici, portando a cambiamenti significativi nel trattamento.

"Gli anziani americani sono il segmento della società in più rapida crescita, e il rischio di cancro aumenta con l'età", ha affermato Alexander Mbewe, borsista post-dottorato presso lo Yale Cancer Center. "Con i pazienti più anziani che hanno problemi e preoccupazioni unici rispetto alla popolazione più giovane, siamo costantemente alla ricerca di strumenti come il calcolatore CARG per aggiungere valore alla cura di questi pazienti". Nello studio, i ricercatori hanno valutato pazienti di età pari o superiore a 65 anni con un cancro diagnosticato e trattati presso gli Smilow Cancer Hospital Care Centers nel Connecticut, una rete di cliniche oncologiche che fa parte dello Yale Cancer Center. 

I medici hanno utilizzato lo strumento CARG per documentare i punteggi di tossicità per 10 pazienti geriatrici che iniziavano un nuovo regime chemioterapico e hanno completato un sondaggio ex-post tra marzo e giugno 2021. I risultati del sondaggio hanno registrato il valore clinico percepito, l'impegno di tempo e gli ostacoli all'implementazione. I dati di base sono stati raccolti nel febbraio 2021 e includono pazienti geriatrici che ricevevano un nuovo regime chemioterapico per un tumore. I risultati dello studio hanno mostrato 180 nuovi inizi di percorso chemioterapico nei pazienti geriatrici. L'utilizzo del punteggio CARG nei nuovi inizi di chemioterapia è aumentato dal 6,5% dei nuovi casi durante il primo mese al 26,4% nel terzo mese.

Secondo i dati, l'82% degli addetti ai lavori, ha trovato utile il punteggio CARG nel discutere i rischi della chemioterapia con i pazienti. Nel 32% dei casi, il punteggio CARG ha portato alla decisione di attenuare la dose e, nel 15% dei casi, il punteggio CARG ha portato a un diverso regime di trattamento. Il 65% degli oncologi ha riferito di aver impiegato 5 minuti per calcolare la tossicità e l'88% ha impiegato 10 minuti. L'89% degli oncologi ha riferito che il punteggio CARG valeva il tempo aggiunto. "Stiamo ora valutando i risultati clinici correlati con il calcolatore CARG", ha affermato l'oncologa Jane Kanowitz, coautrice dello studio. "Ci aspettiamo che i risultati guidino ulteriormente l'utilizzo di una valutazione del rischio come parte del processo decisionale condiviso nelle nostre cliniche oncologiche e, si spera, in tutti i centri oncologici in futuro".


Il 25 settembre, in occasione dell'annuale Simposio dell'American Society of Clinical Oncology (ASCO), i ricercatori dello Yale Cancer Center hanno presentato uno studio sull'utilizzo di un calcolatore di rischio, che ha aiutato a prendere decisioni informate sul trattamento nei pazienti più anziani con cancro. Gli oncologi di Yale hanno identificato il calcolatore del Cancer and Aging Research Group (CARG) come uno strumento rapido e utile per valutare la probabilità di tossicità della chemioterapia nei pazienti geriatrici, portando a cambiamenti significativi nel trattamento.

"Gli anziani americani sono il segmento della società in più rapida crescita, e il rischio di cancro aumenta con l'età", ha affermato Alexander Mbewe, borsista post-dottorato presso lo Yale Cancer Center. "Con i pazienti più anziani che hanno problemi e preoccupazioni unici rispetto alla popolazione più giovane, siamo costantemente alla ricerca di strumenti come il calcolatore CARG per aggiungere valore alla cura di questi pazienti". Nello studio, i ricercatori hanno valutato pazienti di età pari o superiore a 65 anni con un cancro diagnosticato e trattati presso gli Smilow Cancer Hospital Care Centers nel Connecticut, una rete di cliniche oncologiche che fa parte dello Yale Cancer Center. 

I medici hanno utilizzato lo strumento CARG per documentare i punteggi di tossicità per 10 pazienti geriatrici che iniziavano un nuovo regime chemioterapico e hanno completato un sondaggio ex-post tra marzo e giugno 2021. I risultati del sondaggio hanno registrato il valore clinico percepito, l'impegno di tempo e gli ostacoli all'implementazione. I dati di base sono stati raccolti nel febbraio 2021 e includono pazienti geriatrici che ricevevano un nuovo regime chemioterapico per un tumore. I risultati dello studio hanno mostrato 180 nuovi inizi di percorso chemioterapico nei pazienti geriatrici. L'utilizzo del punteggio CARG nei nuovi inizi di chemioterapia è aumentato dal 6,5% dei nuovi casi durante il primo mese al 26,4% nel terzo mese.

Secondo i dati, l'82% degli addetti ai lavori, ha trovato utile il punteggio CARG nel discutere i rischi della chemioterapia con i pazienti. Nel 32% dei casi, il punteggio CARG ha portato alla decisione di attenuare la dose e, nel 15% dei casi, il punteggio CARG ha portato a un diverso regime di trattamento. Il 65% degli oncologi ha riferito di aver impiegato 5 minuti per calcolare la tossicità e l'88% ha impiegato 10 minuti. L'89% degli oncologi ha riferito che il punteggio CARG valeva il tempo aggiunto. "Stiamo ora valutando i risultati clinici correlati con il calcolatore CARG", ha affermato l'oncologa Jane Kanowitz, coautrice dello studio. "Ci aspettiamo che i risultati guidino ulteriormente l'utilizzo di una valutazione del rischio come parte del processo decisionale condiviso nelle nostre cliniche oncologiche e, si spera, in tutti i centri oncologici in futuro".

Altre News