Costume e Società

Novara: Federfiori dona mille rose olandesi alle case di riposo

alt_text
16 Aprile 2021

A marzo 2020, in piena prima ondata Covid-19, le celebrazioni della Settimana Santa sono state in gran parte cancellate. I fiori originariamente destinati alla decorazione di Piazza San Pietro non sono andati però perduti, bensì donati dai floricoltori olandesi e ricevuti con gratitudine e gioia da anziani soli nelle case di riposo e operatori sanitari in prima linea di Novara e Varese. 

A distanza di un anno, la storia si ripete: più di mille delicate rose Avalanche sono state infatti donate agli ospiti delle case di riposo di Novara e provincia, al fine di regalare un po' di serenità durante questi tempi difficili.
L’iniziativa è stata organizzata grazie alla collaborazione di Avalanche e Paul Deckers, Federfiori, Confcommercio Alto Piemonte, Felini Foundation, Comitato Festa dei Nonni, Rosario Flowers e l'Ambasciata dei Paesi Bassi

Intervistata da NewsNovara, Piera Cassini di Federfiori Confcommercio, coordinatrice dell’iniziativa, ha raccontato: “La varietà delle rose donate alle case di riposo è la stessa che ha decorato l'altare della Cattedra di San Pietro durante la Messa pontificale di Pasqua.  Scelte per rendere omaggio al Santo Padre e per infondere positività e dare conforto soprattutto alle persone malate e più fragili, le rose sono state benedette da S.E. Hans van den Hende, vescovo di Rotterdam, in occasione della loro partenza dall’Olanda con destinazione la Città del Vaticano e case di riposo di Novara e di Roma”. 

Le rose omaggiate dai floricoltori olandesi sono state consegnate alle case di riposo di Novara (De Pagave, Divina Provvidenza, Mater Dei, San Francesco, Parco del welfare, I Tigli, Santa Maria). E a quelle della provincia: San Michele Arcangelo di Cameri, Opera Pia Corbetta di Borgolavezzaro, Sentiero d’argento di Sozzago, Casa di riposo di Arona, RSA Giovanni Paolo II di Gattico, Perego Pinzio Lavagetto di Carpignano Sesia. 
Coinvolti nell’iniziativa, oltre alla già citata Piera Cassini di Verde idea, altri fioristi come Maria Teresa Perondi di Aquaflor, Giuse Papa di Alessandro Fiori, Annalisa Palmadessa de I Fiori, Marianna Minutillo di Angel’s Flowers e Patrizia Di Cesare di M’ama non m’ama.

A marzo 2020, in piena prima ondata Covid-19, le celebrazioni della Settimana Santa sono state in gran parte cancellate. I fiori originariamente destinati alla decorazione di Piazza San Pietro non sono andati però perduti, bensì donati dai floricoltori olandesi e ricevuti con gratitudine e gioia da anziani soli nelle case di riposo e operatori sanitari in prima linea di Novara e Varese. 

A distanza di un anno, la storia si ripete: più di mille delicate rose Avalanche sono state infatti donate agli ospiti delle case di riposo di Novara e provincia, al fine di regalare un po' di serenità durante questi tempi difficili.
L’iniziativa è stata organizzata grazie alla collaborazione di Avalanche e Paul Deckers, Federfiori, Confcommercio Alto Piemonte, Felini Foundation, Comitato Festa dei Nonni, Rosario Flowers e l'Ambasciata dei Paesi Bassi

Intervistata da NewsNovara, Piera Cassini di Federfiori Confcommercio, coordinatrice dell’iniziativa, ha raccontato: “La varietà delle rose donate alle case di riposo è la stessa che ha decorato l'altare della Cattedra di San Pietro durante la Messa pontificale di Pasqua.  Scelte per rendere omaggio al Santo Padre e per infondere positività e dare conforto soprattutto alle persone malate e più fragili, le rose sono state benedette da S.E. Hans van den Hende, vescovo di Rotterdam, in occasione della loro partenza dall’Olanda con destinazione la Città del Vaticano e case di riposo di Novara e di Roma”. 

Le rose omaggiate dai floricoltori olandesi sono state consegnate alle case di riposo di Novara (De Pagave, Divina Provvidenza, Mater Dei, San Francesco, Parco del welfare, I Tigli, Santa Maria). E a quelle della provincia: San Michele Arcangelo di Cameri, Opera Pia Corbetta di Borgolavezzaro, Sentiero d’argento di Sozzago, Casa di riposo di Arona, RSA Giovanni Paolo II di Gattico, Perego Pinzio Lavagetto di Carpignano Sesia. 
Coinvolti nell’iniziativa, oltre alla già citata Piera Cassini di Verde idea, altri fioristi come Maria Teresa Perondi di Aquaflor, Giuse Papa di Alessandro Fiori, Annalisa Palmadessa de I Fiori, Marianna Minutillo di Angel’s Flowers e Patrizia Di Cesare di M’ama non m’ama.

Altre News