Salute e benessere

L'abbassamento intensivo della pressione sanguigna avvantaggia i pazienti con ipertensione: lo studio presentato al Congresso ESC 2021

alt_text
6 Settembre 2021

Più di un miliardo di persone soffre di ipertensione in tutto il mondo. La prevalenza complessiva negli adulti è di circa il 30-45%, che sale a oltre il 60% delle persone di età superiore ai 60 anni. Man mano che la popolazione invecchia, adotta stili di vita più sedentari e aumenta il proprio peso corporeo, la prevalenza dell'ipertensione in tutto il mondo continuerà ad aumentare. L' elevata pressione sanguigna è stata la principale causa globale di morte prematura nel 2015, causando quasi 10 milioni di decessi. Le prove di abbassamento della pressione sanguigna negli anziani con ipertensione hanno prodotto risultati contrastanti e le linee guida raccomandano diversi livelli targettizzati. 

Secondo una ricerca presentata in una sessione Hot Line al Congresso dell'ESC (European Society of Cardiology) e pubblicata sul New England Journal of Medicine, il trattamento aggressivo della pressione sanguigna nei pazienti ipertesi anziani riduce l'incidenza di eventi cardiovascolari rispetto alla terapia standard, senza aumentare gli esiti avversi.
Lo studio STEP è stato condotto per fornire nuove prove sui benefici dell'abbassamento della pressione sanguigna nei pazienti più anziani con ipertensione. In particolare, ha esaminato se il trattamento intensivo mirato a una pressione sanguigna sistolica (SBP) inferiore a 130 mmHg potrebbe ridurre il rischio di malattie cardiovascolari rispetto a un obiettivo SBP inferiore a 150 mmHg

Lo studio ha arruolato 8.511 pazienti ipertesi da 42 centri clinici in Cina. Tutti i partecipanti avevano un'età compresa tra 60 e 80 anni, con un SBP di 140-190 mmHg durante tre visite di screening o durante l'assunzione di farmaci antipertensivi. I partecipanti sono stati assegnati in modo casuale a 1) trattamento intensivo (target SBP inferiore a 130 mmHg ma non inferiore a 110 mmHg); o 2) trattamento standard (target SBP 130-150 mmHg). Tutti i partecipanti sono stati programmati per il follow-up a 1, 2 e 3 mesi e successivamente ogni 3 mesi fino al mese 48 o fino alla visita finale. Un importante punto di forza dello studio è stato il monitoraggio della pressione sanguigna domiciliare in aggiunta alle misurazioni in ambulatorio, tramite un'app basata su smartphone. All'inizio dello studio, a tutti i partecipanti è stato fornito lo stesso misuratore di pressione sanguigna a domicilio. La funzione Bluetooth del monitor ha consentito ai pazienti di caricare le letture in un data center tramite l'app.  Un rapporto mensile sulle misurazioni domiciliari è stato inviato ai medici per migliorare l'efficienza del controllo della pressione sanguigna durante la sperimentazione. 

Durante un periodo di follow-up mediano di 3,34 anni, la diminuzione media della PAS rispetto al basale è stata di 20,4 mmHg nel gruppo di trattamento intensivo e di 10,8 mmHg nel gruppo di trattamento standard. La SBP media ha raggiunto 125,6 mmHg e 135,2 mmHg rispettivamente nei gruppi intensivo e standard, con una differenza media tra i gruppi di 9,6 mmHg. Un totale di 196 eventi di esito primario sono stati documentati nel gruppo di trattamento standard (4,6%) rispetto a 147 eventi nel gruppo di trattamento intensivo (3,5%), con una riduzione del rischio relativo del 25%. 

Per quanto riguarda gli esiti secondari, il trattamento intensivo è stato associato a un rischio relativo inferiore del 34% di ictus (95% CI 0,46-0,95) e un rischio relativo inferiore del 32% di sindrome coronarica acuta (95% CI 0,48-0,95). I tassi di eventi avversi gravi non differivano tra i due gruppi, ad eccezione dell'ipotensione, che si è verificata rispettivamente in 146 (3,4%) e 113 (2,6%) pazienti nei gruppi di trattamento intensivo e standard (p=0,03). Il ricercatore principale, il professor Jun Cai della Chinese Academy of Medical Sciences ha dichiarato: “Il controllo attivo della SBP al di sotto dei 130 mmHg nei pazienti ipertesi più anziani, rispetto a quelli inferiori a 150 mmHg, ha comportato una minore incidenza di eventi cardiovascolari maggiori, con nessun aumento delle lesioni renali. Il monitoraggio della pressione sanguigna a domicilio riflette in modo più accurato le fluttuazioni a lungo termine della pressione sanguigna rispetto alle misurazioni in ambulatorio”.


Più di un miliardo di persone soffre di ipertensione in tutto il mondo. La prevalenza complessiva negli adulti è di circa il 30-45%, che sale a oltre il 60% delle persone di età superiore ai 60 anni. Man mano che la popolazione invecchia, adotta stili di vita più sedentari e aumenta il proprio peso corporeo, la prevalenza dell'ipertensione in tutto il mondo continuerà ad aumentare. L' elevata pressione sanguigna è stata la principale causa globale di morte prematura nel 2015, causando quasi 10 milioni di decessi. Le prove di abbassamento della pressione sanguigna negli anziani con ipertensione hanno prodotto risultati contrastanti e le linee guida raccomandano diversi livelli targettizzati. 

Secondo una ricerca presentata in una sessione Hot Line al Congresso dell'ESC (European Society of Cardiology) e pubblicata sul New England Journal of Medicine, il trattamento aggressivo della pressione sanguigna nei pazienti ipertesi anziani riduce l'incidenza di eventi cardiovascolari rispetto alla terapia standard, senza aumentare gli esiti avversi.
Lo studio STEP è stato condotto per fornire nuove prove sui benefici dell'abbassamento della pressione sanguigna nei pazienti più anziani con ipertensione. In particolare, ha esaminato se il trattamento intensivo mirato a una pressione sanguigna sistolica (SBP) inferiore a 130 mmHg potrebbe ridurre il rischio di malattie cardiovascolari rispetto a un obiettivo SBP inferiore a 150 mmHg

Lo studio ha arruolato 8.511 pazienti ipertesi da 42 centri clinici in Cina. Tutti i partecipanti avevano un'età compresa tra 60 e 80 anni, con un SBP di 140-190 mmHg durante tre visite di screening o durante l'assunzione di farmaci antipertensivi. I partecipanti sono stati assegnati in modo casuale a 1) trattamento intensivo (target SBP inferiore a 130 mmHg ma non inferiore a 110 mmHg); o 2) trattamento standard (target SBP 130-150 mmHg). Tutti i partecipanti sono stati programmati per il follow-up a 1, 2 e 3 mesi e successivamente ogni 3 mesi fino al mese 48 o fino alla visita finale. Un importante punto di forza dello studio è stato il monitoraggio della pressione sanguigna domiciliare in aggiunta alle misurazioni in ambulatorio, tramite un'app basata su smartphone. All'inizio dello studio, a tutti i partecipanti è stato fornito lo stesso misuratore di pressione sanguigna a domicilio. La funzione Bluetooth del monitor ha consentito ai pazienti di caricare le letture in un data center tramite l'app.  Un rapporto mensile sulle misurazioni domiciliari è stato inviato ai medici per migliorare l'efficienza del controllo della pressione sanguigna durante la sperimentazione. 

Durante un periodo di follow-up mediano di 3,34 anni, la diminuzione media della PAS rispetto al basale è stata di 20,4 mmHg nel gruppo di trattamento intensivo e di 10,8 mmHg nel gruppo di trattamento standard. La SBP media ha raggiunto 125,6 mmHg e 135,2 mmHg rispettivamente nei gruppi intensivo e standard, con una differenza media tra i gruppi di 9,6 mmHg. Un totale di 196 eventi di esito primario sono stati documentati nel gruppo di trattamento standard (4,6%) rispetto a 147 eventi nel gruppo di trattamento intensivo (3,5%), con una riduzione del rischio relativo del 25%. 

Per quanto riguarda gli esiti secondari, il trattamento intensivo è stato associato a un rischio relativo inferiore del 34% di ictus (95% CI 0,46-0,95) e un rischio relativo inferiore del 32% di sindrome coronarica acuta (95% CI 0,48-0,95). I tassi di eventi avversi gravi non differivano tra i due gruppi, ad eccezione dell'ipotensione, che si è verificata rispettivamente in 146 (3,4%) e 113 (2,6%) pazienti nei gruppi di trattamento intensivo e standard (p=0,03). Il ricercatore principale, il professor Jun Cai della Chinese Academy of Medical Sciences ha dichiarato: “Il controllo attivo della SBP al di sotto dei 130 mmHg nei pazienti ipertesi più anziani, rispetto a quelli inferiori a 150 mmHg, ha comportato una minore incidenza di eventi cardiovascolari maggiori, con nessun aumento delle lesioni renali. Il monitoraggio della pressione sanguigna a domicilio riflette in modo più accurato le fluttuazioni a lungo termine della pressione sanguigna rispetto alle misurazioni in ambulatorio”.

Altre News