Costume e Società

Dorme in tenda 500 notti consecutive per fare beneficenza a un Hospice: la storia del piccolo eroe Max Woosey

alt_text
7 Settembre 2021

Max Woosey, 11 anni, si è svegliato una notte nella sua tenda in pieno inverno, battendo i denti, il sacco a pelo e le coperte ricoperte di brina. Il ragazzino una volta è stato quasi tentato di tornare in casa a dormire, quando la sua tenda si è ribaltata durante un temporale, ma ha resistito e non ha mollato. A metà agosto il piccolo Max, di Braunton nel North Devon, si è goduto – e sostiene che sia stato davvero divertente – la sua 500esima notte consecutiva in campeggio, un'avventura che ha raccolto quasi 600.000 sterline per beneficenza. "È stato fantastico raggiungere le 500 notti", ha detto Max al quotidiano The Guardian. “Non sembra che sia passato così tanto tempo perché sono successe così tante cose interessanti da quando ho iniziato a fare camping. Non avrei mai pensato che sarebbe durato così a lungo, ma mi piace tantissimo". 

La maratona è iniziata all'inizio del 2020 quando la mamma e il papà di Max, Rachael e Mark Woosey, stavano aiutando un vicino, Rick Abbott, che aveva un cancro terminale e riceveva le cure in un hospice. Poco prima di morire, Abbott ha dato a Max la sua tenda e gli ha detto di vivere un'avventura. Quando il primo lockdown nazionale è stato annunciato nel marzo 2020, è diventato chiaro che la struttura che aveva ospitato Rick avrebbe subito un duro colpo finanziario: Max, che si era reso conto di quanto l'hospice, avesse aiutato il suo vicino, ha deciso di iniziare a dormire in tenda, e di dare vita a una raccolta fondi in favore della struttura fino alla fine del lockdown, pensando che potesse durare qualche settimana e che avrebbe potuto raccogliere una piccola somma da dare in beneficenza, magari cento sterline. 

Mentre le restrizioni si prorogavano, Max si è rifiutato di entrare a casa, e nel frattempo sono arrivate sempre più donazioni alla sua pagina JustGiving. Ha attirato l'attenzione nazionale e internazionale ed è stato invitato ad accamparsi vicino al recinto del leone, allo zoo di Londra, e nel giardino di Downing Street, incontrando il primo ministro Boris Johnson.  
Ha iniziato a ricevere lettere dagli ammiratori da tutto il mondo, alcune indirizzate semplicemente a: "Il ragazzo nella tenda, Braunton, Devon".
 
Mentre si avvicinava il suo 500° giorno, Max aveva raccolto oltre 500.000 sterline, più della metà di quanto l'hospice stima di aver perso a causa della pandemiaSua madre, ha affermato che i 500 giorni hanno cambiato la vita della famiglia. “Nessuno di noi può davvero credere a quello che è successo. "Gli ho detto in numerose occasioni che non deve più stare fuori e che ha già realizzato qualcosa di speciale, ma dice sempre di no". 
Una notte durante un temporale si è trovata a cercare su Google se fosse sicuro accamparsi quando c'erano i fulmini. La mattina dopo Max le disse che aveva contato i secondi tra i tuoni e i fulmini e sapeva che il temporale era abbastanza lontano. "Mi ha detto: 'Sapevo che non sarei morto'". Max è risultato positivo al Covid a un certo punto, ma è rimasto comunque fuori, con sua madre che dormiva accanto a lui. A marzo, per celebrare la sua sfida al compimento dell'anno, è stato organizzato un grande accampamento, e circa 1.000 bambini da tutto il paese si sono accampati insieme a lui

Ma c'è qualche segnale che Max tornerà presto a dormire nel comfort della sua camera da letto? "No, questo sono io, questo è quello che faccio adesso", ha detto Max al The Guardian. “Non ho alcuna intenzione di fermarmi adesso. Amo stare all'aria aperta e stare più vicino alla natura. Se smette di essere divertente, entrerò. Ma non riesco a immaginarlo. " Quando finirà la scuola, Max spera di diventare un esploratore, o un giocatore professionista di rugby. Ma anche se diventa ricco e famoso, dice che non sarà interessato a soggiornare in hotel eleganti. "Una tenda mi basterà", ha chiosato.


Max Woosey, 11 anni, si è svegliato una notte nella sua tenda in pieno inverno, battendo i denti, il sacco a pelo e le coperte ricoperte di brina. Il ragazzino una volta è stato quasi tentato di tornare in casa a dormire, quando la sua tenda si è ribaltata durante un temporale, ma ha resistito e non ha mollato. A metà agosto il piccolo Max, di Braunton nel North Devon, si è goduto – e sostiene che sia stato davvero divertente – la sua 500esima notte consecutiva in campeggio, un'avventura che ha raccolto quasi 600.000 sterline per beneficenza. "È stato fantastico raggiungere le 500 notti", ha detto Max al quotidiano The Guardian. “Non sembra che sia passato così tanto tempo perché sono successe così tante cose interessanti da quando ho iniziato a fare camping. Non avrei mai pensato che sarebbe durato così a lungo, ma mi piace tantissimo". 

La maratona è iniziata all'inizio del 2020 quando la mamma e il papà di Max, Rachael e Mark Woosey, stavano aiutando un vicino, Rick Abbott, che aveva un cancro terminale e riceveva le cure in un hospice. Poco prima di morire, Abbott ha dato a Max la sua tenda e gli ha detto di vivere un'avventura. Quando il primo lockdown nazionale è stato annunciato nel marzo 2020, è diventato chiaro che la struttura che aveva ospitato Rick avrebbe subito un duro colpo finanziario: Max, che si era reso conto di quanto l'hospice, avesse aiutato il suo vicino, ha deciso di iniziare a dormire in tenda, e di dare vita a una raccolta fondi in favore della struttura fino alla fine del lockdown, pensando che potesse durare qualche settimana e che avrebbe potuto raccogliere una piccola somma da dare in beneficenza, magari cento sterline. 

Mentre le restrizioni si prorogavano, Max si è rifiutato di entrare a casa, e nel frattempo sono arrivate sempre più donazioni alla sua pagina JustGiving. Ha attirato l'attenzione nazionale e internazionale ed è stato invitato ad accamparsi vicino al recinto del leone, allo zoo di Londra, e nel giardino di Downing Street, incontrando il primo ministro Boris Johnson.  
Ha iniziato a ricevere lettere dagli ammiratori da tutto il mondo, alcune indirizzate semplicemente a: "Il ragazzo nella tenda, Braunton, Devon".
 
Mentre si avvicinava il suo 500° giorno, Max aveva raccolto oltre 500.000 sterline, più della metà di quanto l'hospice stima di aver perso a causa della pandemiaSua madre, ha affermato che i 500 giorni hanno cambiato la vita della famiglia. “Nessuno di noi può davvero credere a quello che è successo. "Gli ho detto in numerose occasioni che non deve più stare fuori e che ha già realizzato qualcosa di speciale, ma dice sempre di no". 
Una notte durante un temporale si è trovata a cercare su Google se fosse sicuro accamparsi quando c'erano i fulmini. La mattina dopo Max le disse che aveva contato i secondi tra i tuoni e i fulmini e sapeva che il temporale era abbastanza lontano. "Mi ha detto: 'Sapevo che non sarei morto'". Max è risultato positivo al Covid a un certo punto, ma è rimasto comunque fuori, con sua madre che dormiva accanto a lui. A marzo, per celebrare la sua sfida al compimento dell'anno, è stato organizzato un grande accampamento, e circa 1.000 bambini da tutto il paese si sono accampati insieme a lui

Ma c'è qualche segnale che Max tornerà presto a dormire nel comfort della sua camera da letto? "No, questo sono io, questo è quello che faccio adesso", ha detto Max al The Guardian. “Non ho alcuna intenzione di fermarmi adesso. Amo stare all'aria aperta e stare più vicino alla natura. Se smette di essere divertente, entrerò. Ma non riesco a immaginarlo. " Quando finirà la scuola, Max spera di diventare un esploratore, o un giocatore professionista di rugby. Ma anche se diventa ricco e famoso, dice che non sarà interessato a soggiornare in hotel eleganti. "Una tenda mi basterà", ha chiosato.

Altre News