Convegni ed eventi

Una Casa per Disabili in ricordo di Marco “Sic” Simoncelli inaugurata a Coriano

alt_text
Domenica 20 gennaio è stata inaugurata una nuova casa per disabili intitolata a Marco Simoncelli, il giovane motociclista, scomparso nel 2011 a seguito di un tragico incidente avvenuto sulla pista di Sepang. La struttura si trova a Coriano, paese natale del grande campione ed è stata realizzata con i fondi raccolti dalla Fondazione Marco Simoncelli Onlus 58.
Il progetto, costato 2,2 milioni di euro ospiterà un centro diurno per disabili e si sviluppa in un edificio di tre piani, che comprende anche una palestra, due piscine per la riabilitazione, un parco giochi, alcune stanze per i familiari in visita alla struttura e un ampio parcheggio, per un totale di 1700 mq. L’edificio, di proprietà della Curia di Rimini, ma in concessione per 99 anni, ha inoltre ricevuto la Benedizione direttamente dal Vescovo, mons. Lambiasi.
Al taglio del nastro hanno partecipato i genitori di Simoncelli e Kate Fretti, allora fidanzata dell’atleta scomparso e oggi amministratrice della Fondazione a lui dedicata. Molti gli amici i colleghi  e le personalità del mondo dello sport che hanno assistito all’evento per onorare la memoria del giovane campione.
Domenica 20 gennaio è stata inaugurata una nuova casa per disabili intitolata a Marco Simoncelli, il giovane motociclista, scomparso nel 2011 a seguito di un tragico incidente avvenuto sulla pista di Sepang. La struttura si trova a Coriano, paese natale del grande campione ed è stata realizzata con i fondi raccolti dalla Fondazione Marco Simoncelli Onlus 58.
Il progetto, costato 2,2 milioni di euro ospiterà un centro diurno per disabili e si sviluppa in un edificio di tre piani, che comprende anche una palestra, due piscine per la riabilitazione, un parco giochi, alcune stanze per i familiari in visita alla struttura e un ampio parcheggio, per un totale di 1700 mq. L’edificio, di proprietà della Curia di Rimini, ma in concessione per 99 anni, ha inoltre ricevuto la Benedizione direttamente dal Vescovo, mons. Lambiasi.
Al taglio del nastro hanno partecipato i genitori di Simoncelli e Kate Fretti, allora fidanzata dell’atleta scomparso e oggi amministratrice della Fondazione a lui dedicata. Molti gli amici i colleghi  e le personalità del mondo dello sport che hanno assistito all’evento per onorare la memoria del giovane campione.

Altre News