Salute e benessere

Studi confermano l’effetto positivo del verde nella riduzione del rischio di malattie neurodegenerative

alt_text
16 Giugno 2022

Le malattie non trasmissibili, cioè quelle che non vengono acquisite attraverso virus e batteri e il contatto personale, ad esempio, sono responsabili del 70% di tutti i decessi nel mondo. Si stima che ogni anno queste malattie uccidono circa 40 milioni di persone. In molte occasioni queste malattie convivono con altre, come il disturbo bipolare, la schizofrenia e la depressione, in una sorta di sinergia: da un lato il malessere psichico aumenta il rischio di incidenza di malattie non trasmissibili per lo sviluppo di comportamenti negativi e la scarsa ricerca di aiuto specializzato, solitamente associati a malattie mentali. D'altra parte, le malattie mentali come la depressione e l'ansia tendono a peggiorare a causa di una carente salute fisica.

Diversi fattori di rischio possono influenzare lo sviluppo di malattie non trasmissibili, come le cosiddette malattie modificabili, ad esempio, quelle legate agli stili di vita. Anche gli elementi ambientali, in particolare l'inquinamento atmosferico e acustico, svolgono un ruolo importante nello sviluppo di queste malattie. Tuttavia, è sempre più crescente l’interesse nel comprendere come l'esposizione all'ambiente naturale possa influenzare le condizioni di salute delle persone a lungo termine.

È già dimostrato che l'ambiente naturale, compreso quello che si trova nelle aree urbane, ha un effetto positivo sulle malattie non trasmissibili in tre direzioni principali: riduzione del danno dovuto all'inquinamento acustico e atmosferico e miglioramento del microclima; miglioramento dell'attività fisica e della partecipazione sociale; e la conseguente riduzione dello stress.

In effetti, uno studio pubblicato di recente indica nuove prove del rapporto tra la salute e la qualità della vita e l'esposizione agli spazi verdi. Lo studio, durato 13 anni, dimostra che vivere vicino alle aree verdi, indipendentemente dall'inquinamento atmosferico, può ridurre il rischio di morte per malattie neurodegenerative tra gli anziani. Il maggiore effetto benefico, secondo la ricerca, si verifica tra la popolazione socio economicamente svantaggiata. 

Il recente studio conferma precedenti prove scientifiche che collegano spazi verdi e benessere. Pubblicata nel 2009, un'altra indagine, questa volta incentrata sulla morbilità, ha evidenziato la relazione positiva tra una serie di indicatori di benessere, sia fisico che psichico, con la vicinanza di aree verdi. Il rischio di morbilità mentale e fisica è diminuito notevolmente con il 10% in più di verde rispetto alla media nell'ambiente circostante. Quando l'area verde si trova entro un raggio di 1 km rispetto a un raggio di 3 km, la relazione è ancora più forte. Altri studi hanno anche evidenziato riduzioni del rischio di mortalità respiratoria e malattie cardiovascolari associate a una quantità crescente di verde. in altre parole, vivere in aree urbane con più aree verdi è associato a una migliore salute cardiovascolare.

Un aspetto importante è la dimensione degli spazi verdi urbani: le persone con diabete e/o malattie cardiovascolari che vivono vicino a un'area verde considerata piccola hanno una probabilità 3,1 volte maggiore di avere la depressione rispetto a coloro che vivono vicino a un grande parco.
Anche le caratteristiche sociodemografiche influenzano queste relazioni: alcuni studi sottolineano che le persone di status socioeconomico inferiore, di etnia non bianca e di sesso maschile hanno la salute maggiormente avvantaggiata dalla vicinanza agli spazi verdi.

Inoltre, una ricerca pubblicata nel 2020 in Canada mette in relazione la vicinanza alle strade e l'incidenza di malattie neurodegenerative come il Parkinson, l'Alzheimer, la sclerosi multipla e persino la demenza non-Alzheimer. Lo studio ha scoperto che il verde ha effetti protettivi nel ridurre i danni causati dall'inquinamento. Risultati simili sono stati evidenziati nella ricerca condotta sulla mortalità per ictus e malattie cardiache negli anziani cinesi che vivono in una città ad alto grado di urbanizzazione.

Anche altri studi hanno evidenziato che le polveri ultrafini (PM2,5) che derivano dal traffico veicolare sono anche associate a un maggior rischio di sviluppare il morbo di Parkinson, mentre la presenza di vegetazione è legata a una diminuzione dell'incidenza di questa malattia.

In altre parole, è scientificamente provato che gli ambienti naturali, tra cui gli spazi verdi urbani, svolgono un ruolo fondamentale nella qualità della vita, nella salute e nel benessere delle popolazioni urbane, sebbene sia ancora sconosciuto il numero di decessi che potrebbero essere evitati con l'aumento degli spazi verdi nelle città.

Quello che è noto per certo è che l'aumento delle aree verdi potrebbe favorire una migliore salute e ridurre la mortalità precoce e, allo stesso tempo, contribuire allo sviluppo di città più sostenibili. Lo dice anche uno studio pubblicato nel 2021 e realizzato in 31 città europee: una maggiore esposizione agli spazi verdi potrebbe prevenire un gran numero di morti premature, oltre a contribuire alla creazione di città più sane.

Le malattie non trasmissibili, cioè quelle che non vengono acquisite attraverso virus e batteri e il contatto personale, ad esempio, sono responsabili del 70% di tutti i decessi nel mondo. Si stima che ogni anno queste malattie uccidono circa 40 milioni di persone. In molte occasioni queste malattie convivono con altre, come il disturbo bipolare, la schizofrenia e la depressione, in una sorta di sinergia: da un lato il malessere psichico aumenta il rischio di incidenza di malattie non trasmissibili per lo sviluppo di comportamenti negativi e la scarsa ricerca di aiuto specializzato, solitamente associati a malattie mentali. D'altra parte, le malattie mentali come la depressione e l'ansia tendono a peggiorare a causa di una carente salute fisica.

Diversi fattori di rischio possono influenzare lo sviluppo di malattie non trasmissibili, come le cosiddette malattie modificabili, ad esempio, quelle legate agli stili di vita. Anche gli elementi ambientali, in particolare l'inquinamento atmosferico e acustico, svolgono un ruolo importante nello sviluppo di queste malattie. Tuttavia, è sempre più crescente l’interesse nel comprendere come l'esposizione all'ambiente naturale possa influenzare le condizioni di salute delle persone a lungo termine.

È già dimostrato che l'ambiente naturale, compreso quello che si trova nelle aree urbane, ha un effetto positivo sulle malattie non trasmissibili in tre direzioni principali: riduzione del danno dovuto all'inquinamento acustico e atmosferico e miglioramento del microclima; miglioramento dell'attività fisica e della partecipazione sociale; e la conseguente riduzione dello stress.

In effetti, uno studio pubblicato di recente indica nuove prove del rapporto tra la salute e la qualità della vita e l'esposizione agli spazi verdi. Lo studio, durato 13 anni, dimostra che vivere vicino alle aree verdi, indipendentemente dall'inquinamento atmosferico, può ridurre il rischio di morte per malattie neurodegenerative tra gli anziani. Il maggiore effetto benefico, secondo la ricerca, si verifica tra la popolazione socio economicamente svantaggiata. 

Il recente studio conferma precedenti prove scientifiche che collegano spazi verdi e benessere. Pubblicata nel 2009, un'altra indagine, questa volta incentrata sulla morbilità, ha evidenziato la relazione positiva tra una serie di indicatori di benessere, sia fisico che psichico, con la vicinanza di aree verdi. Il rischio di morbilità mentale e fisica è diminuito notevolmente con il 10% in più di verde rispetto alla media nell'ambiente circostante. Quando l'area verde si trova entro un raggio di 1 km rispetto a un raggio di 3 km, la relazione è ancora più forte. Altri studi hanno anche evidenziato riduzioni del rischio di mortalità respiratoria e malattie cardiovascolari associate a una quantità crescente di verde. in altre parole, vivere in aree urbane con più aree verdi è associato a una migliore salute cardiovascolare.

Un aspetto importante è la dimensione degli spazi verdi urbani: le persone con diabete e/o malattie cardiovascolari che vivono vicino a un'area verde considerata piccola hanno una probabilità 3,1 volte maggiore di avere la depressione rispetto a coloro che vivono vicino a un grande parco.
Anche le caratteristiche sociodemografiche influenzano queste relazioni: alcuni studi sottolineano che le persone di status socioeconomico inferiore, di etnia non bianca e di sesso maschile hanno la salute maggiormente avvantaggiata dalla vicinanza agli spazi verdi.

Inoltre, una ricerca pubblicata nel 2020 in Canada mette in relazione la vicinanza alle strade e l'incidenza di malattie neurodegenerative come il Parkinson, l'Alzheimer, la sclerosi multipla e persino la demenza non-Alzheimer. Lo studio ha scoperto che il verde ha effetti protettivi nel ridurre i danni causati dall'inquinamento. Risultati simili sono stati evidenziati nella ricerca condotta sulla mortalità per ictus e malattie cardiache negli anziani cinesi che vivono in una città ad alto grado di urbanizzazione.

Anche altri studi hanno evidenziato che le polveri ultrafini (PM2,5) che derivano dal traffico veicolare sono anche associate a un maggior rischio di sviluppare il morbo di Parkinson, mentre la presenza di vegetazione è legata a una diminuzione dell'incidenza di questa malattia.

In altre parole, è scientificamente provato che gli ambienti naturali, tra cui gli spazi verdi urbani, svolgono un ruolo fondamentale nella qualità della vita, nella salute e nel benessere delle popolazioni urbane, sebbene sia ancora sconosciuto il numero di decessi che potrebbero essere evitati con l'aumento degli spazi verdi nelle città.

Quello che è noto per certo è che l'aumento delle aree verdi potrebbe favorire una migliore salute e ridurre la mortalità precoce e, allo stesso tempo, contribuire allo sviluppo di città più sostenibili. Lo dice anche uno studio pubblicato nel 2021 e realizzato in 31 città europee: una maggiore esposizione agli spazi verdi potrebbe prevenire un gran numero di morti premature, oltre a contribuire alla creazione di città più sane.

Altre News