Salute e benessere

Ricerca individua nel microbioma intestinale l'origine della malattia di Parkinson

alt_text
19 Gennaio 2023

Il microbioma intestinale sarebbe coinvolto in molteplici percorsi nella patogenesi del morbo di Parkinson. È quanto rivela un sondaggio realizzato dall'Università dell'Alabama a Birmingham e pubblicato sulla rivista Nature Communications. Un importante squilibrio nella composizione del microbioma delle persone con Parkinson è stato scoperto attraverso la ricerca, considerata il più grande studio sul microbioma condotto alla massima risoluzione.  

I ricercatori hanno effettuato la metagenomica, lo studio del materiale genetico recuperato direttamente dal microbioma delle feci di persone con Parkinson e di un gruppo di controllo formato da persone neurologicamente sani. “L’obiettivo principale di questo studio era quello di generare una visione completa e inalterata dello squilibrio nel microbioma intestinale nelle persone con Parkinson”, ha spiegato Haydeh Payami, autore senior dello studio e professore presso la Marnix E. Heersink School of Medicine.

“Abbiamo trovato prove di molteplici meccanismi che sappiamo essere collegati al morbo di Parkinson, ma non sapevamo che stavano accadendo anche nell’intestino e sono orchestrati dal microbioma”, ha affermato Payami.

Lo studio 


Per lo studio sono state selezionate 490 persone con Parkinson e 234 persone sane. Avevano prevalentemente più di 50 anni e poco più della metà erano maschi. Appartenevano tutti alla stessa regione, ovvero il profondo sud degli Stati Uniti, che ha contribuito a eliminare ogni possibile interferenza di influenze geografiche e culturali nella composizione del microbioma. 

Sono state studiate in totale 257 specie di organismi del microbioma, 84 delle quali, cioè oltre il 30%, erano associate al morbo di Parkinson. “Delle 84 specie associate al Parkinson, 55 avevano un’abbondanza anormalmente elevata nelle persone con PD e 29 erano esaurite”, ha detto Payami. “Abbiamo scoperto che oltre il 30% dei microrganismi e dei geni  testati hanno alterato l’abbondanza nella malattia di Parkinson, il che indica uno squilibrio diffuso”.

È stato anche scoperto che il 36% delle specie associate al morbo di Parkinson presentava una variazione dell'abbondanza di oltre 2 volte, il che rifletteva un aumento o una diminuzione del morbo di Parkinson dal 100% al 750% rispetto al gruppo di controllo sano.

“Questa è una ricerca entusiasmante, poiché la metagenomica è un campo nuovo, anche se in rapida evoluzione, e le risorse, i metodi e gli strumenti, sebbene all’avanguardia, sono ancora in fase di sviluppo”, ha dichiarato Payami. “Senza dubbio verranno rivelate ulteriori informazioni man mano che aumentiamo la dimensione del campione e altri conducono anche studi di metagenomica e condividono i dati. Prevediamo che nel prossimo futuro avremo gli strumenti e il potere analitico per utilizzare la metagenomica come nuovo approccio per studiare l’eterogeneità del morbo di Parkinson, cercare biomarcatori, approfondire l’origine e la progressione dei subfenotipi del Parkinson e studiare il potenziale nella manipolazione del microbioma per prevenire, trattare e arrestare la progressione della patologia”.


Il microbioma intestinale sarebbe coinvolto in molteplici percorsi nella patogenesi del morbo di Parkinson. È quanto rivela un sondaggio realizzato dall'Università dell'Alabama a Birmingham e pubblicato sulla rivista Nature Communications. Un importante squilibrio nella composizione del microbioma delle persone con Parkinson è stato scoperto attraverso la ricerca, considerata il più grande studio sul microbioma condotto alla massima risoluzione.  

I ricercatori hanno effettuato la metagenomica, lo studio del materiale genetico recuperato direttamente dal microbioma delle feci di persone con Parkinson e di un gruppo di controllo formato da persone neurologicamente sani. “L’obiettivo principale di questo studio era quello di generare una visione completa e inalterata dello squilibrio nel microbioma intestinale nelle persone con Parkinson”, ha spiegato Haydeh Payami, autore senior dello studio e professore presso la Marnix E. Heersink School of Medicine.

“Abbiamo trovato prove di molteplici meccanismi che sappiamo essere collegati al morbo di Parkinson, ma non sapevamo che stavano accadendo anche nell’intestino e sono orchestrati dal microbioma”, ha affermato Payami.

Lo studio 


Per lo studio sono state selezionate 490 persone con Parkinson e 234 persone sane. Avevano prevalentemente più di 50 anni e poco più della metà erano maschi. Appartenevano tutti alla stessa regione, ovvero il profondo sud degli Stati Uniti, che ha contribuito a eliminare ogni possibile interferenza di influenze geografiche e culturali nella composizione del microbioma. 

Sono state studiate in totale 257 specie di organismi del microbioma, 84 delle quali, cioè oltre il 30%, erano associate al morbo di Parkinson. “Delle 84 specie associate al Parkinson, 55 avevano un’abbondanza anormalmente elevata nelle persone con PD e 29 erano esaurite”, ha detto Payami. “Abbiamo scoperto che oltre il 30% dei microrganismi e dei geni  testati hanno alterato l’abbondanza nella malattia di Parkinson, il che indica uno squilibrio diffuso”.

È stato anche scoperto che il 36% delle specie associate al morbo di Parkinson presentava una variazione dell'abbondanza di oltre 2 volte, il che rifletteva un aumento o una diminuzione del morbo di Parkinson dal 100% al 750% rispetto al gruppo di controllo sano.

“Questa è una ricerca entusiasmante, poiché la metagenomica è un campo nuovo, anche se in rapida evoluzione, e le risorse, i metodi e gli strumenti, sebbene all’avanguardia, sono ancora in fase di sviluppo”, ha dichiarato Payami. “Senza dubbio verranno rivelate ulteriori informazioni man mano che aumentiamo la dimensione del campione e altri conducono anche studi di metagenomica e condividono i dati. Prevediamo che nel prossimo futuro avremo gli strumenti e il potere analitico per utilizzare la metagenomica come nuovo approccio per studiare l’eterogeneità del morbo di Parkinson, cercare biomarcatori, approfondire l’origine e la progressione dei subfenotipi del Parkinson e studiare il potenziale nella manipolazione del microbioma per prevenire, trattare e arrestare la progressione della patologia”.

Altre News