Costume e Società

Mama Africa: la casa di riposo in Kenia che si prende cura degli anziani soli nei villaggi

alt_text
27 Settembre 2021

Per tradizione, le case di riposo in Africa sono pochissime, anche perché percepite come uno stigma per gli anziani, che sono tenuti in grande considerazione nella società: si ritiene infatti che siano i più giovani a doversi prendere cura personalmente dei loro genitori. Tuttavia, in Kenya si è verificata un'intensa migrazione giovanile dalle aree rurali a quelle urbane: i ragazzi si recano nelle città per studiare e finiscono per stabilircisi in cerca di lavoro.  Un fenomeno che ha portato a una crescente preoccupazione, per l'abbandono di molti genitori anziani che rimangono soli nei villaggi, senza nessuno che si occupi di loro. Irene Kirimi, conosciuta con il soprannome affettuoso di Mama Africa, ha aperto una casa di riposo per anziani a Meru, in Kenya. 

Mama Africa è stata creata nel 2017, e il suo scopo era quello di prendersi cura di coloro che non hanno parenti in vita, o che sono rimasti completamente soli. Intervistata dal celebre quotidiano spagnolo El Pais, Irene ha raccontato: “Nella mia comunità rurale c'era un grande bisogno di qualcuno che si assumesse questo compito. La beneficenza comincia in casa, come si suol dire. Mi è sempre stato molto a cuore il benessere degli anziani, ed è per questo che ho voluto occuparmi di fornire loro assistenza medica, cibo, alloggio, abbigliamento e supporto psicologico in modo che potessero andare avanti. Quindi ho aperto tre filiali, a Meru, a Karatina e a Nyeri". 

Secondo la fondatrice, il suo primo problema era che molte persone in città non capivano cosa stesse facendo: “Si vociferava addirittura nella comunità che c'era qualcuno che stava raccogliendo gli anziani e li rinchiudeva. Ma dopo alcune visite, tutti hanno cominciato a capire l'importanza del progetto, e alcuni dei visitatori sono tornati per far compagnia agli anziani. Avere sempre persone con cui parlare e ridere è terapeutico per loro. Incoraggio i giovani a non trascurare i genitori in cambio della vita in città. I nostri genitori hanno fatto molto per crescerci e meritano le migliori cure nella loro vecchiaia".

Il Covid-19 ha prosciugato la maggior parte degli ingressi delle donazioni: “Diversi benefattori hanno perso il loro reddito. Gli imprenditori sono stati in grado di dare solo piccoli contributi perché le loro attività stavano andando male. Nel 2021, la nostra struttura, che è in affitto, per la prima volta ha dovuto pagare in ritardo: sebbene il proprietario sia stato molto paziente, ho dovuto fare qualcosa al riguardo e in fretta. Ho chiuso le filiali di Karatina e Nyeri." 
Kirimi ha iniziato anche ad allevare maiali sul suo terreno di quasi un ettaro, fino ad allora inutilizzato. "Dovevo rendere il progetto sostenibile, quindi dopo una ricerca su Internet sull'agricoltura su piccola scala, ho deciso di allevare maiali e mais. Ho già 46 maiali”. 

La residenza Mamá Africa conta attualmente 11 lavoratori, tra infermieri e assistenti sociali, e accoglie 46 residenti permanenti. Ha anche 64 anziani in un programma di servizio alla comunità. Kirimi spiega che “questo progetto di sostegno è rivolto a coloro che hanno qualcuno a loro carico, ma che non possono soddisfare i loro bisogni primari. Offriamo loro cibo, vestiti e supporto psicosociale. Il nostro membro più anziano ha 106 anni".
 
Kirimi gestisce anche una casa per bambini a Nairobi dal 2011, chiamata Baby Blessing Children's Home, che è un rifugio, uno spazio di speranza e una casa per i senzatetto. Attualmente ospita tra i 45 ei 55 bambini orfani, abbandonati o trascurati che hanno subito abusi, che sono sieropositivi o il cui unico familiare o tutore legale è malato terminale e costretto a letto. Il leader spera di acquistare un'ambulanza per le emergenze. “Il mio sogno di costruire una casa che accolga bambini e anziani nella mia fattoria si sta gradualmente realizzando. Nonostante i nostri fondi siano limitati, abbiamo iniziato ad acquistare la struttura e a lavorare sui piani. In futuro spero di avere più strutture in tutta l'Africa per trasmettere la stessa gioia che vedo qui”.


Per tradizione, le case di riposo in Africa sono pochissime, anche perché percepite come uno stigma per gli anziani, che sono tenuti in grande considerazione nella società: si ritiene infatti che siano i più giovani a doversi prendere cura personalmente dei loro genitori. Tuttavia, in Kenya si è verificata un'intensa migrazione giovanile dalle aree rurali a quelle urbane: i ragazzi si recano nelle città per studiare e finiscono per stabilircisi in cerca di lavoro.  Un fenomeno che ha portato a una crescente preoccupazione, per l'abbandono di molti genitori anziani che rimangono soli nei villaggi, senza nessuno che si occupi di loro. Irene Kirimi, conosciuta con il soprannome affettuoso di Mama Africa, ha aperto una casa di riposo per anziani a Meru, in Kenya. 

Mama Africa è stata creata nel 2017, e il suo scopo era quello di prendersi cura di coloro che non hanno parenti in vita, o che sono rimasti completamente soli. Intervistata dal celebre quotidiano spagnolo El Pais, Irene ha raccontato: “Nella mia comunità rurale c'era un grande bisogno di qualcuno che si assumesse questo compito. La beneficenza comincia in casa, come si suol dire. Mi è sempre stato molto a cuore il benessere degli anziani, ed è per questo che ho voluto occuparmi di fornire loro assistenza medica, cibo, alloggio, abbigliamento e supporto psicologico in modo che potessero andare avanti. Quindi ho aperto tre filiali, a Meru, a Karatina e a Nyeri". 

Secondo la fondatrice, il suo primo problema era che molte persone in città non capivano cosa stesse facendo: “Si vociferava addirittura nella comunità che c'era qualcuno che stava raccogliendo gli anziani e li rinchiudeva. Ma dopo alcune visite, tutti hanno cominciato a capire l'importanza del progetto, e alcuni dei visitatori sono tornati per far compagnia agli anziani. Avere sempre persone con cui parlare e ridere è terapeutico per loro. Incoraggio i giovani a non trascurare i genitori in cambio della vita in città. I nostri genitori hanno fatto molto per crescerci e meritano le migliori cure nella loro vecchiaia".

Il Covid-19 ha prosciugato la maggior parte degli ingressi delle donazioni: “Diversi benefattori hanno perso il loro reddito. Gli imprenditori sono stati in grado di dare solo piccoli contributi perché le loro attività stavano andando male. Nel 2021, la nostra struttura, che è in affitto, per la prima volta ha dovuto pagare in ritardo: sebbene il proprietario sia stato molto paziente, ho dovuto fare qualcosa al riguardo e in fretta. Ho chiuso le filiali di Karatina e Nyeri." 
Kirimi ha iniziato anche ad allevare maiali sul suo terreno di quasi un ettaro, fino ad allora inutilizzato. "Dovevo rendere il progetto sostenibile, quindi dopo una ricerca su Internet sull'agricoltura su piccola scala, ho deciso di allevare maiali e mais. Ho già 46 maiali”. 

La residenza Mamá Africa conta attualmente 11 lavoratori, tra infermieri e assistenti sociali, e accoglie 46 residenti permanenti. Ha anche 64 anziani in un programma di servizio alla comunità. Kirimi spiega che “questo progetto di sostegno è rivolto a coloro che hanno qualcuno a loro carico, ma che non possono soddisfare i loro bisogni primari. Offriamo loro cibo, vestiti e supporto psicosociale. Il nostro membro più anziano ha 106 anni".
 
Kirimi gestisce anche una casa per bambini a Nairobi dal 2011, chiamata Baby Blessing Children's Home, che è un rifugio, uno spazio di speranza e una casa per i senzatetto. Attualmente ospita tra i 45 ei 55 bambini orfani, abbandonati o trascurati che hanno subito abusi, che sono sieropositivi o il cui unico familiare o tutore legale è malato terminale e costretto a letto. Il leader spera di acquistare un'ambulanza per le emergenze. “Il mio sogno di costruire una casa che accolga bambini e anziani nella mia fattoria si sta gradualmente realizzando. Nonostante i nostri fondi siano limitati, abbiamo iniziato ad acquistare la struttura e a lavorare sui piani. In futuro spero di avere più strutture in tutta l'Africa per trasmettere la stessa gioia che vedo qui”.