Salute e benessere

Lombalgia negli anziani: dal Giappone, una nuova proposta per la gestione con approccio propriocettivo

alt_text
12 Luglio 2024

Da quando i primi esseri umani hanno imparato a camminare in posizione eretta, hanno sofferto, come sfortunata conseguenza della loro nuova postura, di dolori lombari. La moderna comprensione di questo argomento suggerisce che la lombalgia, in particolare, sia causata da un'instabilità posturale derivante da una scarsa "propriocezione", termine che indica la percezione della posizione del nostro corpo nello spazio

Infatti, il nostro tronco e la parte inferiore delle gambe sono fondamentali per mantenere la stabilità posturale grazie alla presenza di "propriocettori" - recettori sensoriali che rispondono alla posizione e al movimento - in quelle aree. Le persone anziane che soffrono di lombalgia tendono ad avere propriocettori scarsamente performanti, e ciò si pensa che influenzi la loro "strategia di controllo propriocettivo" - una strategia di controllo posturale in risposta a stimolazioni vibratorie come un input propriocettivo. 

È interessante notare che gli studi hanno suggerito che una stimolazione vibratoria locale può, infatti, migliorare la funzione propriocettiva. In studi precedenti di altri ricercatori, tuttavia, il suo effetto sul controllo posturale non è ancora chiaro. Inoltre, gli studi non fanno distinzione tra propriocettori "forti" o "scarsi", e non tengono conto del fatto che ogni propriocettore ha una frequenza di risposta vibratoria naturale. Per affrontare questi problemi, un team di ricercatori giapponesi ha recentemente condotto uno studio in cui hanno esplorato l'effetto delle stimolazioni vibratorie locali sulla strategia di controllo propriocettivo quando applicato a un povero propriocettore. 

Il Prof. Yoshifumi Morita del Nagoya Institute of Technology, Giappone, co-autore dello studio, pubblicato su Electronics , pone la domanda: "Per le persone anziane con lombalgia, la funzione propriocettiva può essere migliorata? Curerà la parte bassa della schiena?" I ricercatori hanno condotto il loro studio per un periodo di 3 mesi in cui hanno reclutato sei individui anziani, tutti pazienti con lombalgia. I ricercatori hanno fatto stare in piedi ogni partecipante su una tavola di equilibrio per valutare il proprio equilibrio in piedi e hanno fissato i dispositivi di fissaggio con vibratori alle gambe e ad entrambi i lati del tronco.

Hanno quindi generato segnali di vibrazione utilizzando un PC e li hanno amplificati e trasmessi dai vibratori come stimoli vibratori. Inoltre, hanno permesso di variare nel tempo la frequenza di stimolazione, da un iniziale di 20 Hz (cicli / secondo) fino a 300 Hz, per misurare la risposta posturale in funzione della frequenza applicata. Infine, hanno confrontato la strategia di controllo propriocettivo in ciascun paziente prima e dopo l'applicazione delle stimolazioni a un propriocettore compromesso. 

Tre pazienti hanno mostrato un miglioramento nella loro strategia di controllo dopo che i loro propriocettori hanno risposto a una frequenza più alta: un'osservazione che ha suggerito che la lombalgia potrebbe essere alleviata nei pazienti attivando propriocettori alterati con stimolazioni vibratorie. Inoltre, il dispositivo e il protocollo di trattamento potrebbero essere utilizzati per più gamme di frequenza, consentendo la diagnosi e l'attivazione di un propriocettore poco performante. 

Dati i risultati, i ricercatori non vedono l'ora di condurre una sperimentazione clinica per un gruppo più ampio di pazienti. "La sperimentazione clinica inizierà a metà di quest'anno e sarà condotta per i prossimi tre anni. Abbiamo in programma di verificare se la migliore sensazione propriocettiva può essere mantenuta per lungo tempo, alleviando così la condizione degli anziani che soffrono di lombalgia", commenta un entusiasta Prof. Morita. Il team spera che i risultati dello studio portino presto alla commercializzazione del loro dispositivo, che consentirà ai pazienti anziani con lombalgia di tirare finalmente un enorme sospiro di sollievo!


Da quando i primi esseri umani hanno imparato a camminare in posizione eretta, hanno sofferto, come sfortunata conseguenza della loro nuova postura, di dolori lombari. La moderna comprensione di questo argomento suggerisce che la lombalgia, in particolare, sia causata da un'instabilità posturale derivante da una scarsa "propriocezione", termine che indica la percezione della posizione del nostro corpo nello spazio

Infatti, il nostro tronco e la parte inferiore delle gambe sono fondamentali per mantenere la stabilità posturale grazie alla presenza di "propriocettori" - recettori sensoriali che rispondono alla posizione e al movimento - in quelle aree. Le persone anziane che soffrono di lombalgia tendono ad avere propriocettori scarsamente performanti, e ciò si pensa che influenzi la loro "strategia di controllo propriocettivo" - una strategia di controllo posturale in risposta a stimolazioni vibratorie come un input propriocettivo. 

È interessante notare che gli studi hanno suggerito che una stimolazione vibratoria locale può, infatti, migliorare la funzione propriocettiva. In studi precedenti di altri ricercatori, tuttavia, il suo effetto sul controllo posturale non è ancora chiaro. Inoltre, gli studi non fanno distinzione tra propriocettori "forti" o "scarsi", e non tengono conto del fatto che ogni propriocettore ha una frequenza di risposta vibratoria naturale. Per affrontare questi problemi, un team di ricercatori giapponesi ha recentemente condotto uno studio in cui hanno esplorato l'effetto delle stimolazioni vibratorie locali sulla strategia di controllo propriocettivo quando applicato a un povero propriocettore. 

Il Prof. Yoshifumi Morita del Nagoya Institute of Technology, Giappone, co-autore dello studio, pubblicato su Electronics , pone la domanda: "Per le persone anziane con lombalgia, la funzione propriocettiva può essere migliorata? Curerà la parte bassa della schiena?" I ricercatori hanno condotto il loro studio per un periodo di 3 mesi in cui hanno reclutato sei individui anziani, tutti pazienti con lombalgia. I ricercatori hanno fatto stare in piedi ogni partecipante su una tavola di equilibrio per valutare il proprio equilibrio in piedi e hanno fissato i dispositivi di fissaggio con vibratori alle gambe e ad entrambi i lati del tronco.

Hanno quindi generato segnali di vibrazione utilizzando un PC e li hanno amplificati e trasmessi dai vibratori come stimoli vibratori. Inoltre, hanno permesso di variare nel tempo la frequenza di stimolazione, da un iniziale di 20 Hz (cicli / secondo) fino a 300 Hz, per misurare la risposta posturale in funzione della frequenza applicata. Infine, hanno confrontato la strategia di controllo propriocettivo in ciascun paziente prima e dopo l'applicazione delle stimolazioni a un propriocettore compromesso. 

Tre pazienti hanno mostrato un miglioramento nella loro strategia di controllo dopo che i loro propriocettori hanno risposto a una frequenza più alta: un'osservazione che ha suggerito che la lombalgia potrebbe essere alleviata nei pazienti attivando propriocettori alterati con stimolazioni vibratorie. Inoltre, il dispositivo e il protocollo di trattamento potrebbero essere utilizzati per più gamme di frequenza, consentendo la diagnosi e l'attivazione di un propriocettore poco performante. 

Dati i risultati, i ricercatori non vedono l'ora di condurre una sperimentazione clinica per un gruppo più ampio di pazienti. "La sperimentazione clinica inizierà a metà di quest'anno e sarà condotta per i prossimi tre anni. Abbiamo in programma di verificare se la migliore sensazione propriocettiva può essere mantenuta per lungo tempo, alleviando così la condizione degli anziani che soffrono di lombalgia", commenta un entusiasta Prof. Morita. Il team spera che i risultati dello studio portino presto alla commercializzazione del loro dispositivo, che consentirà ai pazienti anziani con lombalgia di tirare finalmente un enorme sospiro di sollievo!

Case di riposo, rsa e case famiglia